Newsletter n. 102

“Pillole” del Comitato Scientifico Gentili Signori, il Presidente ha proposto al Comitato Scientifico di stimolare con continuità il Comitato con suggerimenti e sollecitazioni, su temi ritenuti di prioritario interesse. Il Comitato Scientifico si è conseguentemente attivato ed ha presentato brevi note definite “PILLOLE”, avviando un’azione di stimolo che auspichiamo si sviluppi con continuità nel tempo. Le prime due “Pillole”, discusse nell’ultimo Consiglio di Presidenza, sono riportate di seguito, unitamente alle Azioni che la loro discussione ha determinato. ———————————————- PILLOLA N. 1 – “SOGGEZIONE” I regolamenti, le consuetudini, alcuni pregiudizi e financo luoghi comuni hanno esercitato una profonda influenza sulla pratica professionale in tema di dighe, come in altri settori dell’Ingegneria. Questa soggezione può aver smorzato in alcuni casi e per qualche aspetto l’inventiva progettuale; è accaduto cioè che il progettista e/o l’autorità di controllo abbiano trascurato di esplorare l’ampia gamma di possibili soluzioni e scambiato quei vincoli per pacchetti preconfezionati, lasciandosi trasportare automaticamente dalle disposizioni e dall’abitudine, anche quando i condizionamenti lasciano spazio all’interpretazione. La questione riguarda anche gli interventi di miglioramento e riabilitazione dell’esistente, di prevalente interesse oggi nel Paese. Sul tema sarà opportuno riflettere, affinché la ricerca progettuale possa esprimersi in maniera innovativa e senza soggezioni, pur sempre nel rigoroso rispetto delle norme di sicurezza. ——————————————— PILLOLA N. 2 – “INCOMPIUTE” I lavori di costruzione di alcune dighe sono interrotti da decenni in vari stadi di avanzamento; nel passato i motivi sono stati elencati e classificati per alcuni aspetti; così gli effetti indesiderati delle interruzioni. Esistono situazioni nelle quali è venuto anche a mancare il concessionario. Un elenco aggiornato delle opere incompiute ed un’analisi puntuale delle situazioni non sono disponibili; né é noto se il generico cantiere sia ormai ripiegato e se allo stato i luoghi offrano garanzia di sicurezza in misura sufficiente e permanente. Le singole situazioni si differenziano; considerata, tuttavia, la difficoltà di un’eventuale ripresa dei lavori con la necessaria competenza e la continuità con il passato, si ritiene opportuno un invito alla riflessione sul tema allo scopo di offrire un quadro informativo utile per valutare se sia ancora conveniente completare quelle dighe. —————————————— AZIONI CONSEGUENTI La discussione di queste pillole ha portato a decidere le seguenti Azioni: • La pillola “Soggezione” è stata affidata a C. Ricciardi, coordinatore del Gruppo di Lavoro “Criteri e tecniche innovative per miglioramento delle dighe”, perché ne tenga conto nelle attività del suo Gruppo. • La seconda pillola, “Incompiute”, ha determinato la decisione di creare un nuovo Gruppo di Lavoro, dedicato all’argomento.